Il mutuo casa fa salire le spese mensili

Un’indagine recente condotta sui mutui online erogati negli ultimi 12 mesi mette in evidenza come il mutuo rappresenti una spesa mensile media di 651 euro per famiglia.
Se si considera infatti la media dei mutui erogati, caratterizzata da un importo del mutuo di  141.200 euro con una durata di 27,2 anni ed un tasso di interesse applicato del 3,20%, ne risulta una rata mensile di rimborso del mutuo superiore a 650 euro.
L’analisi non presenta molte differenze con i dati storici dell’Istat che evidenziano quanto il mutuo rappresenti la spesa a maggior impatto sul bilancio familiare. Nel corso degli anni, oltre 2,9 milioni di famiglie italiane, dati Istat alla mano, hanno acquistato la prima casa accendendo un mutuo ipotecario pesando sulle famiglie in media circa 5.940 euro all’anno, ovvero 495 euro al mese.
Il mutuo si conferma quindi la prima voce di spesa per il 16,7% delle famiglie italiane che ha acquistato casa tramite un finanziamento ipotecario. Per spese mensili che si aggirano attorno ai 2.370 euro, quasi 500 euro corrispondono alla rata mensile di rimborso del mutuo; 467 euro vengono pagate per i trasporti, spesa aggravata dall’assicurazione RC auto, dalla benzina e dalle eventuali rate del prestito auto; 294 euro sono connesse alla casa (tasse, bollette e manutenzione) e 173 euro vengono spese in abbigliamento.
La casa di proprietà rappresenta quindi l’investimento preferito dagli italiani, cui è destinato in media, tra mutuo, tasse, bollette e manutenzione, oltre il 34% dell’intero budget familiare. La percentuale sale al 37% nell’Italia centrale, dove, nel mercato immobiliare di Roma e dintorni, l’investimento casa è più oneroso.
Fonte: Money360

Cos’è Taeg e cos’è il Tan? [definizione]

Come per lo spread molti cittadini necessitano di spiegazioni dettagliate sul significato di Taeg e Tan, termini finanziari ricorrenti alla stipula dei mutui.

TAEG significa Tasso Annuo Effettivo Globale e sta a rappresentare il costo dell’operazione di finanziamento; incluse le spese di perizia,di apertura pratica,i costi delle rate e le commissioni bancarie.

Esso è molto importante perché serve a comparare offerte similari o di banche concorrenti, dando la possibilità al cliente di scegliere quelle a lui più congeniali.

TAN significa invece Tasso Annuo Nominale, cioè quello utilizzato per stabilire il piano d’ammortamento dell’istituto di credito quando si apre un mutuo.

Conoscere questi termini quindi, aiuta a chiarire le idee prima di considerare una qualsivoglia pratica per stipulare un mutuo.

Mutui online: andamento del tasso euribor

Attualmente molti consumatori ed ipotetici clienti (che intendono aprire un mutuo per l’acquisto della prima casa) si domandano sull’imminente andamento del tasso euribor,  dopo che la Bce ha deciso di lasciare i tassi invariati.

Dunque: dobbiamo considerare innanzitutto che  se la tendenza del denaro è in rialzo viene ad impennarsi l’euribor con scadenza trimestrale col quale si supportano i mutui a tasso variabile;poi anche il fatto che si è lontani dall’euribor ai minimi storici.
Ma di grande importanza è che sia l’euribor che l’irs si mantengono sui livelli al di sotto della media storica, indi per cui si  evince che per l’acquisto della prima casa quest’estate un mutuo resta oltremdo conveniente.